Pubblicitari professionistiSi è appena concluso il festival dell’advertising più importante del mondo: ecco il meglio del meglio

Guardando la tv italiana potrebbe sembrarvi incredibile, ma esistono delle pubblicità che non fanno venire voglia di cambiare canale (o cittadinanza): sono quelle che ogni anno vengono premiate al Festival di Cannes (leoni, non palme), il più importante al mondo nel settore dell’advertising.

Connected-life

Chiamatelo screen-stacking, multiscreening o come volete voi, resta di fatto che gli “altri schermi” sono ormai una certezza nella fruizione mediale della popolazione mondiale. A confermarcelo è anche TNS, che nel suo studio “Connected Life”, effettuato ascoltando più di 55,000 utenti internet nel mondo, ha riscontrato che fra gli utenti regolari della rete, tre quarti guardano la TV giornalmente e circa la metà, mentre guarda la TV, utilizza altri schermi. Un quarto, infine, guarda video online ogni giorno su un device digitale.

cannes lions

Dal Cannes Lions 2014 un avvertimento: "Scrivi ciò che ti fa ridere e non ciò che pensi possa far ridere gli altri!"

Da un articolo dell’Huffington Post, 50 citazioni dal Cannes Lions 2014 che rimarranno nella storia.

1. “Oggi come non mai, è la società di massa che crea la cultura. Noi marketer abbiamo il compito di nutrirla.” -@gannon_jones –  Head of Brand Marketing presso MillerCoors

social media1

Oggi più di ieri realizzare azioni di Marketing one-to-one è necessario. Grazie alla costante diffusione dei Social Media questa tecnica può avvalersi di nuovi mezzi per comunicare in modo efficace con il proprio pubblico. Infatti tra gli elementi che lo distinguono dal marketing di massa ce ne sono 3 di particolare interesse:

medium

Cambiano le mansioni e le priorità, ma anche le sfide e le aspettative, aziendali e individuali: il ruolo del communication manager, cioè la figura attorno alla quale ruota il complesso processo attraverso cui un’azienda comunica se stessa e i propri brand sia internamente che verso l’esterno, sta conoscendo in questi anni un’evoluzione parallela a quella che sta modificando lo scenario dei mezzi e dei canali di comunicazione.

A fotografarla è The Rising COO, l’indagine che l’agenzia di relationi pubbliche Weber Shandwick ha condotto inseme alla società di selezione del personale Spencer Stuart in Europa, Nord America, Asia e America Latina. La ricerca rileva innanzi tutto quanto i communication manager abbiano una percezione dinamica del proprio lavoro e del mercato in cui operano.

PwcLa società ha pubblicato il suo "Global Entertainment & Media Outlook 2014-2018", secondo cui, tra 4 anni, l'adv online trainata dal mobile sarà pronta al sorpasso della tv. In Italia il mezzo, nel periodo del forecast, si prevede crescerà del 10,6%

Anche l’industria dei media e dell’intrattenimento si affida ai byte. Da qui al 2018, la spesa per i media e l’intrattenimento digitale (esclusa quella per l’accesso a internet) crescerà in media del 12,2% l’anno e assorbirà quasi due dollari ogni tre spesi. Il processo seguirà il modello della pubblicità: tra quattro anni, il 33% dei ricavi pubblicitari totali – percentuale ferma al 14% nel 2009 – verranno dal digitale, rispetto al 17% dei ricavi derivanti dalla spesa dei consumatori.

banana anti razzistaLe accuse della stampa brasiliana e spagnola: la campagna era pronta da tempo. L’ira dei tifosi: «Una vergogna lucrare su un episodio così»

La banana antirazzista è una gigantesca operazione di marketing? Dalla Spagna arriva anche la notizia che il gesto di Alves e la successiva campagna lanciata sui social network sarebbero stati preparati a tavolino dopo un’attenta pianificazione di alcuni esperti di comunicazione e marketing vicini a Neymar. Dani Alves ha fatto capire anche che qualcosa di vero c’è, nel senso che il suo amico e compagno era stanco di ricevere banane ed insulti razzisti e i due ne avevano parlato, decidendo di fare qualcosa, un gesto significativo, alla prima occasione utile. È capitata al’esterno destro, e lui lo ha fatto, spontaneamente e per sdrammatizzare e non certo per vendere poi qualche maglietta.  

VIRALUn gruppo di scienziati si è chiesto cosa innesca la viralità sul web. Ecco cosa hanno scoperto.

Quali sono i fattori che fanno diventare un contenuto virale su internet? È una di quelle domande da un milione di dollari. La viralità sul web sembra un processo imprevedibile e incontrollabile, ed in parte certamente lo è, ma non è tutto lasciato al caso.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi altre informazioni o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione